Gli spatzle finalmente!

Spatzle al cavolo cappuccio

Essì perchè l’attrezzino appositamente comprato questa estate durante il Fiemmetour, che oramai pare un ricordo lontano anni luce, giaceva li nel mobile… aspettava il momento in cui mi sarei decisa ad usarlo, un pò timorosa di fare dei pacciughi… e invece! Sorpresona!!!

Perchè poi non è che ho pensato di fare la ricetta classica, quella stampata sulla confezione… ma mi sono cimentata in un esperimento; gli spatzle al cavolo cappuccio rosso. Ho usato la ricetta che le gentili signore del negozio mi hanno messo nel sacchetto e che in effetti si differenziava totalmente da quella prestampata sulla scatola! Ovviamente quella riportava gli ingredienti per gli spatzle con gli spinaci o come dice in fondo “zucca o pomodori in precedenza tritati e sbollentati”… bè è inverno, nel campo ci son due ciuffi di spinaci in croce e io invece ho del freschissimo cavolo cappuccio rosso… che faccio non ci provo??? Tanto o venivano male  o bene, era il primo esperimento! ;-D

Sono buonissimissimi e perchè non dire di provarli a fare con qualsiasi verdura cotta e frullata???

Sono davvero veloci da preparare, cuocere e impiattare! Credo che se avessi fatto l’impasto leggermente più morbido, forse mi sarebbero venuti di forma più allungata come dovrebbero essere… comunque sono già contenta che non si sono appiccicati o spiattellati! ;-D

Spatzle piatto

Ingredienti per 4 persone:

250g farina 0

450g cavolo cappuccio rosso

2 uova

acqua di cottura del cavolo q.b.

noce moscata

sale & pepe

Per prima cosa cuocere il cavolo a vapore. Deve diventare tenero così da poterlo frullare.

Sbattere le uova con un pizzico di sale, pepe e noce moscata (adoro la noce moscata!!!)

Frullare il cavolo con la sua acqua di cottura così da ottenere una crema, che andremo ad unire alle uova.

Aggiungere la farina e tanta acqua quanto basta ad ottenere un impasto dalla consistenza morbida, non liquida mi raccomando!

La ricetta indicava di usare il latte ma io ho pensato, innanzitutto per non perdere le proprietà del cavolo, di usare l’acqua di cottura… sicuramente così  saranno anche più “leggeri” se non si conta che sono conditi con burro, salvia e un pò di parmigiano! ;-D

Mettere sul fuoco una pentola d’acqua salata. Quando l’acqua bolle, appoggiando l’apposito attrezzo sulla pentola, formare gli spatzle versando l’impasto nel contenitore e muovendolo avanti e indietro fino ad esaurire la “pastella”. E’ un’operazione che va compiuta abbastanza velocemente, ma non è difficile! A questo punto fare bollire appena, scolare e servire subito con burro fuso, salvia e parmigiano.

Ora la missione è provarli con qualsiasi verdura! Altro che spinaci!!! ;-p

P.s. se non avete la “grattugia” per gli spatzle, li potete provare a fare con un qualsiasi attrezzo con dei fori abbastaza larghi… che ne so una mestola forata, un colino… versate l’impasto e con una spatola lo spingete giù dai fori! Hihihihih ;-)

Alla prossima!

Se ti piace condividi! Grazie!
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
Piatti Salati, Primi Piatti, Ricette Tipiche
PRECEDENTE
SUCCESSIVO

6 Comments

  • Reply
    Betta
    11 Marzo 2013 at 19:48

    Devono essere favolosi..!!! io mangio sempre quelli di spinaci che mi fa’ la mia nonna..!!! ma proverò questa deliziosa variante..
    Fantastica come sempre..

    • Reply
      Lisa
      11 Marzo 2013 at 21:17

      grazie mille!!! ;-)

  • Reply
    Nadia
    13 Marzo 2013 at 15:34

    Con il cavolo rosso? Ma è una splendida idea, sia per dare un’impronta originale alla classica ricetta che per utilizzare questo ortaggio in maniera diversa!
    Me ne ricorderò!
    A presto,

    Nadia – Alte Forchette –

    • Reply
      Lisa
      13 Marzo 2013 at 17:26

      Grazie Nadia!!! ;-)

  • Reply
    maia
    4 Aprile 2013 at 21:43

    l’attrezzino mi manca!!

    bella questa versione con il cavolo rosso!!

    ciao

    maia

    • Reply
      Lisa
      5 Aprile 2013 at 12:48

      grazie! ciao! ;-)

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.