Pasta Frolla la mia ricetta base

pasta frolla

Ho pensato che fosse giunta l’ora di fare la sezione dedicata alle basi della pasticceria.

In effetti passati quasi quattro anni dall’apertura del blog era anche l’ora! ;-D

Per iniziare ho scelto dunque la Pasta Frolla, credo che sia la base delle basi, la più versatile; adatta a preparare crostate, torte e biscotti di ogni tipo!

Con queste dosi si ottiene circa un chilo di pasta frolla.

Ingredienti per la pasta frolla:

  • 500g farina 00
  • 250g burro
  • 200g zucchero
  • 4 tuorli d’uovo
  • buccia di limone grattugiata*

Si impasta sulla spianatoia la farina con il burro tagliato a tocchetti (tolto dal frigo una decina di minuti prima dell’uso) si deve ottenere un impasto sbricioloso.

Si forma la fontana e si aggiungono lo zucchero, i rossi d’uovo, un pizzico di sale e la buccia di limone, impastando il tutto molto velocemente. Ci vuole un pò di pazienza perché sembra che l’impasto non si compatta mai, ma poco a poco diventerà sempre più omogeneo.

Si avvolge il panetto nella pellicola e si fa riposare mezz’ora nel frigo. Volendo si può anche preparare in anticipo e conservare sempre avvolta nella pellicola sicuramente per due giorni.

Si vocifera che impastando troppo a lungo, il burro si “bruci” e la frolla in cottura non rimanga bella friabile.

Se la pasta invece dovesse “impazzire” (ve ne accorgete perché l’impasto non si lega) la si recupera aggiungendo un bianco d’uovo, o almeno questo è quello che faccio io.

Una volta trascorso il tempo di riposo si passa alla trasformazione in biscotti o crostate!

Io dopo aver tagliato i biscotti e averli disposti sulla teglia rivestita di carta da forno li ripasso un 5 minuti in frigo, così sono sicura che non perdono la forma in cottura.

Qui sotto un pò di idee biscottose!

  
L’accoppiata del pistacchio salato con la frolla è buonissima!

Due basi di pasta sottili e già cotte “incollate” con gelatina di ciliegie.

Semplicissimi fiori con semi di papavero.

Su una base rettangolare di pasta si spalma della crema di nocciole, si arrotola, si mette in congelatore pochi minuti e poi si tagliano le girelle con un coltello affilato.

Ad una parte di pasta si aggiunge cacao amaro, si formano 4 filoncini due neri e due bianchi, si dispongono uno sopra l’altro a colori alternati, si compattano e si passano in congelatore pochi minuti, si tagliano ad uno spessore di circa mezzo centimetro.

Ovviamente si cuoce il tutto in forno caldo a 180° fino a quando la superficie è bella dorata.

*la pasta frolla generalmente si aromatizza con la buccia di limone, ma si può mettere anche altro come ad esempio; scorza di arancia o essenza di fiori di arancio, vaniglia, o spezie come la cannella.
Mi pare di aver detto tutto, se manca qualcosa chiedete!
Buon weekend a tutti anche se, causa festa di ieri, oggi mi sembra più lunedì! ;-)

Crostate & Tartellette, Le Basi
post piu' vecchi
post piu' recenti

7 Comments

  • Reply
    anna
    30 Dicembre 2011 at 22:05

    buona la pasta frolla

  • Reply
    Elsa
    22 Maggio 2012 at 17:33

    Ho provato anche io a fare questa ricetta ma sono una schiappa e mi sono bruciati poi ho ritentato ma non sono ancora perfetti restano troppo secchi credi dipenda dalla temperatura del forno ? sono a 120°.mi date una risposta per favore

    • Reply
      Lisa
      22 Maggio 2012 at 20:37

      No, 120° è pochissimo, dovrebbero cuocere a 180°
      Comunque la secchezza molto probabilmente dipende dal fatto che li fai troppo bassi anche se nella mia ricetta io non uso livieto dunque rimangono croccanti.
      ;-)

  • Reply
    Crostate che passione! - In Cucina con Me
    22 Gennaio 2014 at 15:35

    […] uso questa ricetta, priva di lievito perchè come dicevo prima io amo la pasta sottile, friabile e con uno spesso […]

  • Reply
    Apple Pie a modo mio - In Cucina con Me
    17 Marzo 2014 at 13:40

    […] utilizzato come base la mia classica pasta frolla, qui trovate la ricetta, dimezzatene la dose per questa torta che verrà composta in uno stampo da circa 20/22 […]

  • Reply
    Un gioiello da indossare, no da mangiare! - In Cucina con Me
    29 Aprile 2014 at 14:10

    […] da appoggiarvi sopra, lo adoro. Lo avevo già utilizzato una volta per provarlo, con la mia ricetta classica della pasta frolla, in questa occasione ho usato la base che proponeva il libretto nella confezione […]

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.