Pumpkin Pie la Torta di Zucca Americana

pumpkin pie

Quest’anno sto consumando più zucca del previsto; fatta al forno è uno snack perfetto da gustare davanti alla tv, cotta e frullata diventa un’irresistibile coccola autunnaleed il bello è che si può usare anche per i dolci, vista appunto la sua dolcezza.

Da un po’ mi balenava in testa la Pumpkin Pie, tipico dolce americano che celebra l’autunno, così ho cercato più volte su Pinterest una ricetta che mi ispirasse ma non riuscivo a farmi convincere da nessuna eppure è una ricetta così semplice mi dicevo! un guscio di “crust” (la pasta base di tante pie e tart) ripieno di un impasto dolce di zucca. Alla fine ho pensato mi faccio coraggio e la chiedo a lei, Cynthia, una bellissima donna con la quale ho stretto amicizia su Instagram. Lei ha una fattoria in Canada e come me dunque la passione per gli animali e il buon cibo. E’ stata davvero gentile e mi ha dato la sua ricetta della pumpkin pie che ho preparato per la prima volta ieri. Ho modificato qualcosa tipo ho usato il robiola al posto della panna e messo due uova intere al posto dei tre tuorli che mi aveva detto lei… sapete che se non modifico qualcosa non sono contenta!

Tra gli ingredienti leggerete purea di zucca al forno, io ho usato la butternut, dato che nella ricetta non era specificato il tipo, credo addirittura che in America si trovi già pronta in lattina tipo il grano cotto che noi usiamo per la pastiera. Dopo averla sbucciata e tagliata a pezzi si cuoce in forno caldo a 180° in una teglia antiaderente con un goccio d’acqua fino a quando diventa morbida, poi si frulla e la purea di zucca al forno è pronta!

pumpkin-pie-fetta

Il risultato di questa torta è un guscio croccante, ripieno di una morbida e leggermente speziata crema alla zucca, solitamente è senza la crosta superiore ma io l’ho messo perchè nella ricetta di Cynthia c’era!

Ingredienti per il guscio:

  • 350g farina 0
  • 140 g burro freddo
  • mezzo cucchiaino di sale fino
  • acqua fredda q.b. (circa 5 cucchiai)

Ingredienti per il ripieno:

  • 300g di purea di zucca al forno
  • 160g zucchero di canna
  • 120g robiola
  • 2 uova intere
  • un cucchiaino di cannella
  • mezzo cucchiaino di noce moscata
  • un pizzico di vaniglia in polvere
  • un pizzico di sale

Iniziare preparando il ripieno…

In una ciotola mescolare la farina con il sale, unire il burro ben freddo di frigo e tagliato a cubetti.

Impastare con la punta delle dita fino ad ottenere un composto sbricioloso.

A questo punto unire l’acqua a cucchiaiate, continuando ad impastare fino a riuscire ad ottenere una pasta lavorabile.

Dall’impasto ricavare due dischi per rivestire una teglia di circa 22 cm, io ho usato una tipo da crostata.

Rivestire la teglia con uno dei due dischi e cuocere in bianco per 15 minuti a 175° mettendo all’interno della carta da forno e i classici fagioli oppure le apposite biglie per la cottura a vuoto.

Nel frattempo…

In una ciotola riunire la zucca con il robiola, lo zucchero, le uova, le spezie e un pizzico di sale.

Sbattere con le fruste delicatamente, l’impasto che si ottiene è piuttosto liquido.

Una volta pronto il guscio sfornare e riempire con la crema di zucca, ricoprire con il disco di pasta rimasto, rifilare i bordi e premere bene per farlo aderire al guscio. Decorare eventualmente con qualche pezzetto di pasta avanzato.

Bucherellare la superficie con uno stuzzicadenti, in modo da fare fuoriuscire l’aria in cottura.

Cuocere in forno caldo a 175° per circa 50 minuti.

In cottura il guscio gonfierà parecchio, è del tutto normale. Sfornare e fare raffreddare su di una gratella, gustatela il giorno dopo che i sapori hanno modo di mescolarsi e come la tradizione vuole aggiungete un ciuffo di panna montata.

E’ una torta molto particolare, vi consiglio di provarla per esplorare nuovi sapori!

pumpkin pie

Alla prossima e buona notte delle Streghe! ;-)

  • 35
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    47
    Shares
Dolci
PRECEDENTE
SUCCESSIVO

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.