Barrette energetiche muesli e frutta secca per un pieno di vitalità!

Barrette muesli e frutta secca

Questo fine settimana mi attende una nuova avventura che mi porterà in Valtournenche per passare due giorni sulla neve a ciaspolare. Gli anni passati sognavo sempre di farlo, quest’anno ho fatto la mia prima ciaspolata a Gennaio in montagne non lontane da casa e adesso via sempre più su!

Quando vado a camminare generalmente il mio zaino contiene sempre qualche snack per i momenti difficili e l’hanno scorso avevo provato per la prima volta a farmi da sola le Barrette Raw che sono state un vero successo proprio come quelle che si trovano in commercio. Quest’anno ho deciso di provare a fare delle barrette energetiche di muesli e frutta secca, anche di queste che si trovano facilmente in negozi e supermercati ne esistono delle varietà infinite; cioccolato, mirtillo rosso, uvetta, cocco…. io ho usato semplicemente quello che avevo in casa ovvero; fiocchi d’avena, del muesli Original della Rapunzel, mandorle e semi di sesamo.

Se le volete provare e vi manca qualche ingredienti tenete conto che potete sostituire tutti gli ingredienti asciutti, sempre rispettandone il peso, per dire se non vi piacciono le mandorle mettete uguale quantità di noci o nocciole, se al posto del sesamo preferite i semi di lino va bene lo stesso.

Il muesli Original della Rapunzel che ho usato io contiene: fiocchi d’avena, uva sultanina, fiocchi di frumento, fiocchi d’orzo, semi di girasole, nocciole tostate, semi di lino, grano saraceno tostato, sesamo tostato, così giusto per darvi un’indicazione del mix che volendo si può fare anche da se, io avevo da consumarlo e ho sfruttato l’occasione.

Barrette energetiche

Ingredienti:

200g muesli con frutta e semi

100g fiocchi d’avena

20g mandorle sgusciate

30g semi di sesamo

70g miele d’acacia

50g olio di semi di girasole

buccia di arancia grattugiata

un pizzico di vaniglia in polvere

 

In una ciotola mescolare il muesli con i fiocchi d’avena, i semi di sesamo e le mandorle tritate grossolanamente.

In un pentolino scaldare il miele con la buccia d’arancia e la vaniglia.

Aggiungere l’olio, mescolare bene e versare sopra agli ingredienti asciutti.

Amalgamare bene con un cucchiaio, assicurandosi di aver inumidito tutto il composto.

Rivestire uno stampo di carta da forno (io ho usato uno stampo per crostata rettangolare e l’ho riempito tutto, la dimensione è perfetta) versare il composto e stenderlo con l’aiuto di un cucchiaio compattandolo bene.

Cuocere per mezz’ora in forno statico a 130°.

Sfornare e fare raffreddare completamente.

A questo punto con un coltello ben affilato ricavare le barrette nella dimensione preferita.

Tendono quando raffreddano a diventare secchissime per poi ritornare leggermente umide e sbriciolose.

Per renderle ancora più golose si possono rivestire con un velo di cioccolato fondente o al latte.

Io ho preparato delle “confezioni” da trasporto avvolgendo semplicemente le barrette nella carta da forno. Le conservo fino al momento dell’uso dentro a un contenitore ermetico.

E adesso corro a metterle nello zaino prima che le dimentico! ;-p

Se ti piace condividi! Grazie!
  • 202
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    203
    Shares
Breakfast & Brunch, Dolci
post piu' vecchi
post piu' recenti

6 Comments

  • Reply
    Emanuela
    2 Aprile 2015 at 11:00

    Ciao, che belle le tue barrette. le devo provare assolutaemnte, che sia mai che i miei bambini inizino a mangiare qualcosa di più sano! Complenti, a presto, Manu.

    • Reply
      Lisa
      2 Aprile 2015 at 13:43

      Incrocio le dita per te! Ciao! ;-)

  • Reply
    un cestino di ciliege
    4 Aprile 2015 at 20:35

    Sono perfette complimenti!!!
    Buona Pasqua<3

    • Reply
      Lisa
      4 Aprile 2015 at 21:53

      Grazie, Auguri anche a te! ;-)

  • Reply
    elisa
    1 Maggio 2016 at 14:55

    ti sono venute benissimo, e sicuramente ottime!
    ciao
    elisa

    • Reply
      Lisa
      2 Maggio 2016 at 08:01

      Grazie Elisa! :-)

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.