Intrecci, al posto degli abbracci

Intrecci, biscotti al cacao e vaniglia

E’ veramente un sacco che non scrivo.

Gennaio devastata dalla broncopolmonite di cui ho ancora i segni addosso, Febbraio vissuto come in un lutto e poi c’è Marzo che è iniziato oggi con una giornata di neve portata dalla notte ma che si sta già sciogliendo.

Ho aspettato 4 anni che arrivasse la neve e quando è accaduto non ero nel posto dove avrei voluto vederla ma la vita si sa è così, è fatta di sorprese, belle e brutte, è fatta di momenti felici e infelici che creiamo noi stessi.

Ieri ho letto un articolo che trattava di medicina naturale e di fiori di Bach che sto usando per affrontare la sofferenza delle mie perdite ed ho trovato una frase molto interessante: “il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di prenderci cura delle nostre radici al fine di posticipare il più a lungo possibile l’insorgenza della malattia, coltivando l’omeostasi, ovvero la capacità dell’organismo di resistere agli urti della vita”.

Avete mai sentito la parola omeostasi?

Per me era la prima volta e questa parola mi ha fatto riflettere molto.

Non è un bel periodo, sto affrontando tante cose tutte insieme che si sono agganciate l’una all’altra come le maglie di una catenella ma sono sicura che anche st(r)avolta riuscirò a spezzarle una per una e un piccolo passo lo sto già facendo adesso iniziando a riprendere a cucinare e a condividere.

Credevate che vi sareste liberati di me?

Ebbene, non ci riuscirete MAI.

Oggi ho voluto preparare questi intrecci, dei semplici frollini bicolore al gusto di cacao e vaniglia. Anni fa preparavo gli abbracci che sono del tutto simili anche se pensandoci, assomiglia di più ad un abbraccio vero l’intreccio che non due c che si incontrano! Eccola li con i suoi deliri che ricompare! :-)

Comunque ora come allora se non disponete di abbracci veri che non dovrebbero mai mancare, tirate fuori farina, burro, zucchero, uova e cacao e procurateveli da soli preparando questi intrecci!

Ingredienti per gli intrecci:

  • 250g farina 0
  • 50g amido di mais (o fecola di patate)
  • 100g zucchero di canna macinato a velo
  • 100g burro
  • 2 uova medie
  • 20g di cacao amaro
  • un pizzico di vaniglia in polvere
  • un cucchiaino di lievito per dolci

Impastare la farina precedentemente setacciata con l’amido e il lievito, unire lo zucchero e il burro freddo tagliato a tocchetti e la vaniglia, impastare come per una classica pasta frolla fino ad ottenere un impasto sbricioloso.

Aggiungere le uova, impastare velocemente fino a formare un panetto.

Dividerlo in due parti uguali e ad una unire il cacao, impastare bene fino a quando il colore è uniforme.

A questo punto formare più filoncini con entrambi gli impasti dello spessore di un dito.

Intrecciarli delicatamente due diversi colori e tagliando con un coltello ricavare gli intrecci lunghi circa 4 cm.

Disporli su di una teglia ricoperta di carta da forno, ben distanziati,lieviteranno un poco.

Cuocere in forno caldo a 180° per circa 15 minuti.

Sfornare e fare raffreddare su di una gratella.

E anche per oggi è tutto!

Un piccolo passo per sentirsi meglio! Alla prossima! :-)

Biscotti, Breakfast & Brunch
post piu' vecchi
post piu' recenti

6 Comments

  • Reply
    paola
    1 Marzo 2018 at 22:48

    Omeostasi! Si impara sempre qualcosa…
    Sono felice che riesci ad affrontare le avversitá senza
    grossi traumi, ultimamente faccio fatica.
    Proveró senz’altro gli intrecci: sono bellissimi e sulla bontá non ho dubbi ☺

    • Reply
      Lisa
      2 Marzo 2018 at 07:47

      Bè, non è proprio così ma diciamo che ci si prova sempre! Se li provi fammi sapere se ti sono piaciuti!
      Ciao!

  • Reply
    Piccolalayla - Profumo di Sicilia
    2 Marzo 2018 at 08:06

    Che buoniiiii questi biscotti e la forma mi piace un sacco! A presto LA

    • Reply
      Lisa
      2 Marzo 2018 at 13:10

      Grazie cara! a presto! :-)

  • Reply
    cwolfrom
    16 Marzo 2018 at 19:54

    Oh yeah! Grazie mille

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.